nomi dei venti rosa dei venti 1477

I nomi dei venti, un po’ di storia

Articolo forse banale per i marinai, scusate, ma le persone che vengono a bordo con noi per la loro prima vacanza in barca a vela trovano la storia dell’origine dei nomi dei venti del Mediterraneo sempre affascinante e utile, e vale la pena raccontarla. Come sempre nelle cose del mare c’è di mezzo molta pratica e un po’ di storia della navigazione.

 

 

Di solito è Omero che comincia il racconto, e lo prende da lontano: parte dalle crociate, dai cavalieri templari, dalle loro navigazioni e dal dominio di Venezia sul Mediterraneo. Così si spiega perché i nomi dei venti vadano interpretati posizionandosi al centro del Mediterraneo: sull’isola di Malta, come era prassi fare nelle prime rappresentazioni cartografiche durante gli anni in cui i templari scorrazzavano per il Mediterraneo portando i pellegrini in Terra Santa e merci un po’ ovunque, o sull’isola di Zante, come si cominciò a fare verso la fine del Medioevo, quando Venezia dominava gli scambi per mare con l’oriente.

Immaginandosi quindi di essere posizionati nel Mediterraneo centrale, i nomi dei venti come li conosciamo oggi rimandano ad elementi chiari e conosciuti delle direzioni da cui spirano (perché il vento viene, la corrente va): elementi geografici, città, etc.

La Tramontana arriva da nord perché spira tra i monti, che siano le Alpi o i Balcani. Il vento di nord est, il Grecale, prende il nome dalla Grecia, che si trova a nord est rispetto a Malta. Da est, dove il sole si leva all’alba, soffia il Levante.

A sud est di Malta (o di Zante) c’è la Siria, da dove soffia lo Scirocco. Da sud arriva l’Ostro (dal latino auster, che indica il meridione) o Mezzogiorno. A sud ovest di Malta il califfato di Libia, che comprendeva anche la Tunisia e gran parte dell’Algeria, da’ il nome al Libeccio.

Da ovest, dove il sole si pone al tramonto, soffia il Ponente. E da nord ovest, direzione in cui si trova Roma, Magistra Mundi, spira il Maestrale.

nomi dei venti origine carta

 

Questi i nomi classici degli otto venti principali del Mediterraneo, rappresentati nelle più classiche rose dei venti a otto punte. Oggi questi nomi stati sostituiti nel linguaggio marino internazionale dalle ben meno poetiche, ma molto pratiche, abbreviazioni – N, NNE, NE, ENE, etc – che indicano i cosiddetti mezzi venti nella rosa a 16 punte.

Anticamente invece le cose erano ben più articolate, e le bussole nautiche riportavano rose dei venti a 32 punte, suddivise in quarte, dette anche rombi per la forma che si delineava nel disegnarle. Ogni quarta era quindi un angolo di 11,15° sulla bussola e veniva utilizzata anche come indicazione per le manovre: “accosta due quarte a dritta”, “una quarta al mascone di sinistra”, etc. Si poteva andare anche più nel dettaglio e indicare le mezze quarte le quartine (per un’ampiezza di 3°) per dare al timoniere indicazioni più precise.

Cosa che ho scoperto da poco è che a ciascuno dei 32 punti della rosa dei venti della marineria classica è associato anche il nome di un vento. Sono nomi utilizzati soprattutto in quei luoghi dove sono frequenti – la Bora in alto Adriatico, lo Zefiro in Tirreno, il Garbino nel medio Adriatico e Tirreno – e direi che nessuno di noi è più tenuto a conoscerli se non per cultura personale…

 

nomi dei venti rosa dei venti 32 punte

 

 

E si può andare ancora più indietro nel tempo, perché il vento è stato da sempre uno dei fenomeni che più ha affascinato l’uomo, e arrivare a scoprire i nomi dei venti utilizzati nell’antica Grecia: nella loro raffinatezza, i Greci rappresentavano i venti come semi dei, figli di Eolo, e nelle raffigurazioni di ciascun vento, come nei miti a loro associati, davano qualche indizio anche sul “carattere” di quel vento. Borea, suscettibile e tempestoso, viene rappresentato mentre rapisce la fanciulla che gli piaceva. Zefiro, che da ovest riporta le brezze tiepide di primavera, è un fanciullo coperto da un mantello fiorito. Austro che da sud porta pioggia è rappresentato con un otre pieno d’acqua in mano.

 

 

Se vuoi puoi iscriverti agli aggiornamenti del blog per ricevere, circa una volta al mese (o comunque quando abbiamo qualcosa da raccontare), una mail con gli ultimi post, le nostre rotte, le storie delle nostre navigazioni e delle isole che tocchiamo.