cucinare in barca risotto ai frutti di mare

Ricette in barca a vela: risotto ai frutti di mare

A grande richiesta aggiorniamo e ripubblichiamo la ricetta del risotto ai frutti di mare di Omero, che in questa stagione di vela tra la Sardegna e la Corsica si è conquistato il podio ogni settimana.
Se volete provarla a casa ricordate che come al solito le dosi sono per 8/10 persone!

La ricetta del risotto ai frutti di mare

Per fare un buon risotto ai frutti di mare si comincia facendo un brodo di dado di pesce in un pentolino, mentre nella pentola grande (con fondo di pietra lavica, acquisto di quest’inverno che Omero non smette mai di lodare) si fa un soffritto leggero di aglio, sedano tritato fine e un paio di peperoncini tritati. Al soffritto Omero aggiunge un sughetto di cozze (che di solito cuciniamo il giorno prima, e che non è detto avanzi dalla scarpetta…) e, una volta che si è un po’ asciugato, quattro confezioni di frutti di mare tolti dal frigo un po’ prima.
Quando il soffritto e i frutti di mare prendono un po’ di bollore, si butta 1 kg di riso e lo si lascia dorare per un po’. Il riso va poi fatto tirare piano piano, mescolando, finché assorbe tutto il sughetto e, per ultimare la cottura, si aggiunge poco alla volta il brodo di pesce fatto a parte. In tutto per la cottura considerate una ventina di minuti, a fuoco molto lento.

A fine cottura, quando il riso è al dente, si aggiunge un’abbondante noce di burro per mantecare, continuando a mescolare, e del prezzemolo a crudo. Se vi piace potete aggiungere qualche oliva nera.

Omero ha anche un segreto dello chef, come è giusto che sia: è un mix di spezie che usa per insaporire leggermente quasi tutti i piatti di pesce che fa. Devo guardare meglio per segnare tutti gli ingredienti.

cucinare in barca risotto ai frutti di mare