pioggia in barca

Piovedi’ (Omero-pensiero sulla pioggia)

 

A Tenerife piove piu’ o meno incessantemente da stanotte, la
perturbazione si sta sfogando per benino e speriamo che li lasci partire con
buone condizioni di mare e di vento venerdi’. Gia’, perche’ l’equipaggio sta
arrivando alla spicciolata, gli ultimi arrivi sono previsti tra stasera e
domani, e come dice Omero non si puo’ prendere un commercialista e metterlo
nell’oceano con 20 nodi di vento in faccia dopo nemmeno un giorno che ha
lasciato la scrivania… La Freya dopo i grandi lavori di quest’inverno e’
attrezzata anche per chi ha muscoli solo sui polpastrelli a forza di battere
sulla tastiera e poco piu’, ma il mare non si e’ ancora adattato
all’involuzione dei fisici umani (e speriamo non lo faccia mai), e Omero
nonostante i brontolii e le lamentele vuole bene ai suoi equipaggi e cerca di
non farli soffrire troppo.
La pioggia pone un problema un po’ piu’ difficile da gestire
per la cambusa. A parte la scomodita’ di fare il trasbordo dei viveri sotto
l’acqua, la complicazione peggiore e’ l’impossibilita’ di far asciugare bene
frutta e verdura prima dello stivaggio, operazione fondamentale per una buona
conservazione. Vediamo come lo risolveranno! A proposito, sto continuando a
scrivere l’articolo sulla preparazione della cambusa “alla Omero”, pubblicazione
imminente..

2 commenti

I commenti sono chiusi.