cucinare in barca risotto agli asparagi e fragole

Cucinare in barca: risotto agli asparagi (e fragole)

Con un po’ di tempo a disposizione Omero sta sperimentando qualche nuovo piatto adatto a essere cucinato in barca, e una ricetta davvero semplice e molto buona di queste sere è quella del risotto agli asparagi e fragole.

A dire la verità le fragole le ho aggiunte io contro la volontà di Omero…  Il suo risotto agli asparagi è già buonissimo, ma con l’aggiunta delle fragole diventa anche colorato e molto primaverile. Attenzione che, anche se non si direbbe, stavolta le dosi sono per 2 persone!

Ingredienti per il risotto agli asparagi e fragole

Riso 2 bicchieri

Asparagi 1 mazzo

Fragole 7/8

Aglio 1 spicchio

Sale e olio q.b.

Brodo di verdure 2 bicchieri

Burro 50 grammi

Parmigiano 1 etto (grattugiato)

 

Preparazione del risotto agli asparagi e fragole

Come per qualsiasi altro risotto, anche per preparare il risotto agli asparagi e fragole si comincia dal soffritto di aglio (o scalogno) e olio in una pentola antiaderente con il bordo un po’ alto. Si fanno poi cuocere gli asparagi tagliati in piccoli pezzi, prima lasciandoli insaporire solo nel soffritto e poi aggiungendo mezzo bicchiere d’acqua, in tutto circa 15 minuti (non dimenticate il coperchio).

A questo punto si aggiunge il riso, lasciandolo tirare per qualche minuto, sempre mescolando, e poi aggiungendo un po’ alla volta il brodo di verdure (fatto con il dado o con le verdure fresche). Quando mancano pochi minuti a fine cottura aggiustate di sale. Se volete a questo punto potete aggiungere anche le fragole tagliate a fettine e provare qualcosa di diverso 🙂

Un minuto prima della fine della cottura del riso si aggiunge il burro per mantecare e infine il parmigiano grattugiato, mescolando ancora per un minuto per far amalgamare bene il tutto. Se vi piace potete aggiungere del pepe nero.

 

1 commento
  1. Giorgio
    Giorgio dice:

    Interessante…io però tra il salto degli asparagi sul soffritto e l’entrata in scena del riso farei la tradizionale spruzzata di vino bianco, possibilmente secco, considerando la variante-fragola (che secondo me è geniale, non vedo l’ora di provarla!)… bisoux

I commenti sono chiusi.